Informazioni >> Proctologia >> Visita Proctologica

Visita Proctologica

Cos’è la Visita Proctologica?

La Visita Proctologica è la prima fase di approccio tra Paziente e Specialista proctologo. Questa tipologia di visita può essere richiesta per diverse patologie, tra cui: emorroidi, ragadi, incontinenza, perdite di sangue, polipi, fistole, ascessi o prolassi. La visita permetterà anche attente considerazioni circa la familiarità, lo stile di vita, la sintomatologia riferita, le eventuali malattie già note e l’esame obiettivo del paziente.

Fasi di una visita proctologica

Nel corso della visita proctologica si eseguirà innanzitutto un colloquio, finalizzato ad individuare con accuratezza i sintomi provati dal paziente e dunque i motivi per i quali quest’ultimo si è rivolto allo specialista. Successivamente si procederà con la fase di ispezione diretta della parte interna ed esterna dell’ano.

Tale ispezione, più comunemente chiamata “esplorazione rettale”, viene effettuata chiedendo al paziente di sdraiarsi sul fianco sinistro in posizione fetale; l’esplorazione potrà essere eseguita sia in forma diretta, con l’utilizzo da parte dello specialista di un guanto lubrificato (al fine di evitare qualsiasi dolore al paziente), sia tramite il ricorso a strumentazione endoscopica, ovvero tramite anoscopia o rettoscopia. Anche nel caso si utilizzasse l’anoscopio per eseguire una valutazione strumentale dell’interno dell’ano, il paziente non sarà soggetto a nessun particolare dolore grazie alle ridotte dimensioni dello strumento, il quale sarà opportunamente lubrificato.

Nell’ultima parte della valutazione specialistica, verrà formulato un parere concernente il quesito clinico oggetto della visita: la valutazione proctologica potrà esaurirsi con la prescrizione di una terapia da parte del medico o con la richiesta di accertamenti specialistici, come ad esempio una colonscopia o RX.

Preparazione ad una Visita Proctologica

Per eseguire una corretta visita proctologica non è necessaria nessuna particolare preparazione tranne nei casi in cui non venga diversamente specificato al momento della prenotazione. La visita proctologica, come precedentemente indicato, ha la finalità di valutare con accuratezza lo stato diagnostico del Paziente e non richiede dunque l’esecuzione di particolari esami.

E’ inoltre opportuno da parte del paziente presentare in sede di prima visita tutta la documentazione clinica acquisita, compresi eventuali esami del sangue, purché recenti.

Esami richiesti nel corso della Visita Proctologica

Grazie alle moderne metodiche cliniche, è possibile eseguire innumerevoli accertamenti che potranno essere richiesti successivamente o nel corso della visita specialista proctologica. I principali esami che potranno essere richiesti sono:

  • Esami endoscopici quali Anoscopia o Rettoscopia;
  • Esami di laboratorio quali esame del sangue, esame delle urine, esame parassitologico ed altri
  • Radiografie e TAC
  • Ecografie

Dopo la visita proctologica?

Qualora lo specialista proctologo riterrà opportuno eseguire specifici esami diagnostici o strumentali al fine di confermare o escludere l’eventuale presenza di patologie o problematiche in corso, tali esami verranno prescritti al termine della visita specialistica.

Quanto dura

Una buona visita specialistica avrà una durata media non inferiore ai 45 minuti. Il tempo necessario può naturalmente subire delle importanti variazioni in base alla specifica situazione clinica del paziente; è consigliabile dunque per il paziente ritagliarsi un periodo di tempo non inferiore ai 60 minuti.

Come prenotare una Visita Proctologica

La prenotazione della Rettoscopia presso uno dei nostri centri specializzati può avvenire contattando il nostro numero unico nazionale dal lunedì al sabato dalle ore 9:00 alle ore 18:00 (Orario Continuato) oppure tramite servizio Whatsapp.

I nostri centri