ascesso anale

Consulto

Domanda

salve, mia madre, 62 anni, operata 3 anni fa per polipetti anali, lo scorso febbraio ha cominciato a sentire dolore durante la defecazione. le è stata diagnosticata una proctite da scforzo prima, ragadi anali,poi per finire a fine aprile dopo pianti di dolore indicibili in ospedale (villa betania) per essere operata per un ascesso anale che a detta del medico avrebbe interessato anche la parete vaginale. si è intervenuti con un drenaggio esterno. ora dopo due mesi e dopo che il drenaggio si è ovviamente cicatriziato comincia nuovamente il dolore e notizia di oggi è che si sta riformando il pus. non sappiamo più come gestire questa situazione. Le sarei molto grato se potesse darmi la Sua opinione. grazie p.s. per i prox 4 giorni Le hanno data una pomata da applicare malgrado il dolore (cosa per altro abbastanza complicata da fare essendo da sola!)

Risposta del Medico

Gentile Paziente, ho ricevuto la sua email. Purtroppo esprime un cedimento strutturale con difficoltà evacuate che esitano in una sintomatologia ragadi forme. Contestualmente le ascessualizzazioni possono avere carattere recidivante. Deve assumere antibiotici e antidolorifici ed essere valutata quanto prima per capirne lo stato di avanzamento e poter programmare gli Step successivi. Per qualsiasi ulteriore richiesta di carattere clinico resto a sua disposizione. Cordialità Roberto Rea